CGIA MESTRE » Area Stampa » TASSE COMUNALI. Al top a Bologna, Roma e Bari

acquistare-prima-casa_O1

TASSE COMUNALI. Al top a Bologna, Roma e Bari

 

Sindaci costretti ad aumentare il prelievo fiscale: in 5 anni i tagli ai trasferimenti in queste 3 città sono stati del 48 per cento. A Milano del 63 per cento e a Venezia addirittura del 66 per cento

 

 

Tra le grandi città italiane le tasse comunali più elevate le registriamo a Bologna, a Roma, a Bari e a Genova. L’Ufficio studi della CGIA è giunto a questo risultato calcolando il prelievo che una famiglia tipo di 3 persone dovrà subire quest’anno per onorare il pagamento della Tari (la nuova tassa sui rifiuti), della Tasi (il tributo sui servizi indivisibili) e dell’addizionale comunale Irpef.

 

Nel caso di un’abitazione di tipo civile A2, è il Comune di Bologna a praticare il livello di tassazione medio più elevato tra le grandi città d’Italia: per l’anno in corso, il peso economico è pari a 1.610 euro. Seguono Genova, con 1.488 euro, Bari, con 1.414 euro e Milano, con 1.379 euro.

 

Se, invece, l’analisi viene realizzata su un’abitazione di tipo economico A3 (che è di minor pregio rispetto all’immobile preso in esame nel caso precedente), a balzare al primo posto di questa speciale graduatoria è Roma, con 1.100 euro. Seguono Bari, con 1.079 euro, Napoli, con 1.000 euro e Genova, con 961 euro.

 

Il forte aumento dalla tassazione comunale registrato in questi ultimi anni – commenta il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussiè da addebitare, in particolar modo, ai pesantissimi tagli ai trasferimenti che lo Stato centrale ha praticato nei confronti degli enti locali. Tra il 2010 e il 2014, i Sindaci di Bologna, Roma e a Bari hanno subito una sforbiciata delle risorse del 48 per cento: Milano del 63 per cento e Venezia addirittura del 66 per cento. Con questi tagli i Comuni sono stati obbligati a ridurre i servizi e ad aumentare le tasse locali, penalizzando soprattutto le famiglie meno abbienti”.

 

I ricercatori dell’Ufficio studi della CGIA si sono “spulciati” tutte le delibere approvate dai principali Comuni capoluogo di Regione in materia di Tari, Tasi e addizionale comunale Irpef.

 

Per quanto riguarda quest’ultima imposta, in quasi tutte le città l’addizionale comunale ha raggiunto l’aliquota massima dello 0,8 per cento (Roma applica addirittura lo 0,9 per cento). Solo quattro Amministrazioni hanno applicato una aliquota inferiore: Bologna (0,7 per cento), L’Aquila (0,6 per cento), Aosta (0,3 per cento) e Firenze (0,2 per cento). A Cagliari, invece, l’addizionale si calcola applicando aliquote progressive per scaglioni di reddito, (0,66 per cento sino a 15.000 euro, 0,72 per cento da 15.000 a 28.000, 0,78 per cento da 28.000 a 55.000, 0,79 per cento da 55.000 a 75.000, 0,8 per cento oltre i 75.000 euro). Nella nostra analisi si sono considerate le addizionali comunali pagate nel 2014, in pratica sono quelle di competenza nell’anno di imposta 2013.

 

In riferimento alla Tasi, solo il Comune di Aosta ha applicato l’aliquota base dell’1 per mille. In tutte le altre realtà analizzate è stata deliberata un’aliquota nettamente superiore. In 9 casi tocca addirittura il valore massimo consentito per le abitazioni principali: 3,3 per mille.

 

La Tari, invece, colpisce soprattutto al Sud. Nonostante il servizio di raccolta dei rifiuti erogato nelle grandi città del Mezzogiorno non sia sempre “impeccabile”, per un’abitazione di tipo civile A2, una famiglia di 3 persone residente a Cagliari paga quest’anno 653 euro. A Napoli 522 euro e a Palermo 497 euro.

 

Come dicevamo più sopra, una delle ragioni che hanno “costretto” molti Sindaci ad aumentare la tassazione comunale è stata la forte contrazione dei trasferimenti statali subita in questi ultimi anni. La città più penalizzata è stata Venezia: tra il 2010 e il 2014 il taglio è stato del 66 per cento (- 63,8 milioni di euro).

 

Tra le grandi città segnaliamo il caso di Milano, che ha “patito” una riduzione del 63 per cento (- 317,7 milioni di euro) e quello di Roma, con una contrazione del 48 per cento (-667 milioni di euro). Altrettanto pesanti le situazioni maturate a Bologna (-48 per cento, pari a 72 milioni di euro in meno), a Bari (-47 per cento, pari a 55,1 milioni di euro in meno), a Torino (-43 per cento, pari a 158,9 milioni di euro in meno), a Genova (-43 per cento, pari a 110,8 milioni di euro in meno), a Napoli (-31 per cento, pari a 199,6 milioni di euro in meno) e a Palermo (- 33 per cento, pari ad un taglio di 114 milioni di euro).

 

Da un punto di vista metodologico, l’Ufficio studi della CGIA segnala che i calcoli sono stati effettuati tenendo conto di una famiglia composta da 2 genitori che lavorano, con un reddito annuo di 22.000 euro ciascuno e un figlio a carico. Le tipologie abitative prese in esame sono state 2: un’abitazione di tipo civile (categoria catastale A2) e un’abitazione di tipo economico (categoria catastale A3). In entrambi i casi i calcoli sono stati effettuati sulla base della rendita catastale e della superficie abitativa media presente in ogni Comune capoluogo di Regione

 

 

CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO STAMPA E VISUALIZZARE I DATI

 

 

Mestre, 11 ottobre 2014

 

 

Tags: , , , , , , , , , ,

One Response to “TASSE COMUNALI. Al top a Bologna, Roma e Bari”

  1. […] e Bari: sono queste le tre città a stare sul podio dei Comuni con le tasse più alte di Italia, così come previsto dalla Cgia di Mestre che ha calcolato i costi che ogni famiglia dovrà sostenere per onorare il pagamento di Tari, Tasi […]

Lascia un commento

Devi essere ISCRITTO per scrivere un commento.

Categorie

  • Comparto casa
  • Comparto auto
  • Trasporti
  • Servizi alla persona
  • Varie