La tesi è: con più flessibilità in uscita, gli imprenditori avranno meno remore ad assumere e quindi aumenterà l’occupazione. La riforma dei licenziamenti, promessa dal governo all’Ue, si inquadra in questo scenario…

 

Visualizza l’articolo