Stop ai controlli fiscali, soprattutto a quelli di massa. Meglio, invece, fornire assistenza preventiva e autoadempimento. E’ questo l’obbiettivo che si vogliono dare sia l’Agenzia delle entrate e il Ministero dell’economia. A chiederla è stato Enrico Maria Ruffini, neo direttore dell’Agenzia delle entrate. I controlli, questa l’idea del dr. Ruffini, non possono essere la base fondante del Fisco. In passato gli uomini dell’Agenzia hanno recuperato sì soldi ma non hanno contrastato efficacemente l’evasione, tanto che il tax Gap (divario tra quanto c’è di evasione e quanto riesce a essere recuperato) è rimasto invariato. Ecco perchè si fa sempre più spazio l’attività di compliance.