Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la delibera n. 9 del 11 ottobre 2023  del Ministero delle infrastrutture e dei  trasporti con la misura delle quote dovute dalle imprese di autotrasporto per l’anno 2024 in cui vengono riconfermati ancora una volta gli importi  già in vigore.

La quota da versare , entro la scadenza del 31 dicembre 2023 è stabilita nelle seguenti TRE misure: 

  1. Quota fissa di iscrizione dovuta da tutte le imprese comunque  iscritte all’albo: € 30,00.
  2. Ulteriore quota sulla base del parco veicoli aziendale indipendentemente dalla massa come da tabella seguente:
 dimensione azienda categoria n. veicoli importo in euro
A da 2 a 5 5,16
B da 6 a 10          10,33
C da 11 a 50 25,82
D da 51 a 100        103,29
E da 101 a 200  258,23
F superiore a 200     516,46

 

  1.  Ulteriore quota (in aggiunta a quelle   precedenti ) per  ogni  veicolo  di  massa  superiore  a  6.000  chilogrammi  di  cui  l’impresa  è titolare, come da tabella che segue:
dimensione azienda categoria massa complessiva veicoli o trattore con p so rimorchiabile importo in euro
A da 6.001 11.500 kg 5,16  
 
B da 11.501 a 26.000  kg 7,75
C oltre 26.000 |kg 10,33

 

Confermate anche, per il versamento  le due modalità alternative  sulla  piattaforma PagoPA raggiungibile anche dalla  apposita sezione «Pagamento quote» presente sul sito  www.alboautotrasporto.it

Viene proposto in automatico l’importo   relativo all’anno 2024  e ad eventuali annualità  pregresse  non  corrisposte, seguendo le istruzioni contenute nel manuale reperibile nella  stessa sezione «Pagamento quote» del portale

  1. a)   pagamento   online,    effettuato    in    modo    integrato nell’applicazione  dei  pagamenti.  L’utente  viene   automaticamente  reindirizzato alle pagine web di PagoPA che consentono  di  scegliere il prestatore di servizi di pagamento (PSP) e pagare in  tempo  reale  utilizzando i canali on-line proposti dal PSP scelto; 
  2.   b) pagamento previa creazione della posizione debitoria (PD)  che avviene in modalità differita. L’utente stampa o visualizza  il  pdf  dell’avviso di pagamento e procede a pagare con una  delle  modalità   presentata da uno dei PSP, sia tramite canale fisico che virtuale. 

L’utente potrà pagare una posizione debitoria alla volta. 

Va sottolineato che qualora il versamento non venga effettuato entro il termine di cui al primo comma, l’iscrizione all’Albo sarà sospesa . 

La prova dell’avvenuto pagamento della quota relativa all’anno 2024 deve essere conservata dalle imprese, anche al fine di consentire i controlli esperibili da parte del Comitato centrale e/o delle competenti strutture periferiche.