Il 20 maggio, è stato sottoscritto il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti dalle imprese di Acconciatura, Estetica, Tricologia non curativa, Tatuaggio, Piercing e Centri Benessere ( era scaduto il 31 dicembre 2022).

 

La nuova intesa, che riguarda 60.000 imprese ed oltre 140.000 lavoratori, prevede un aumento retributivo di 183 euro parametrati al 3° livello, che verrà erogato in 4 tranches:

  1. 70 euro a partire dal 1° maggio 2024,
  2. 50 euro dal 1° gennaio 2025,
  3. 43 euro dal 1° gennaio 2026,
  4. 20 euro dal 1° ottobre 2026.

A copertura del periodo di vacanza contrattuale sarà erogato un importo Una tantum di 80 euro.

Per quanto riguarda la parte normativa si segnala:

  • l’allungamento del periodo di preavviso per licenziamento e dimissioni, che passa dagli attuali dieci a venti giorni
  • l’aggiornamento della classificazione del personale con l’inserimento di nuove figure.

 

Di particolare rilevanza l’aggiornamento della classificazione del personale con nuove figure, necessario al fine di dare copertura contrattuale alle nuove attività che nel settore estetico si sono affermate sul mercato e devono quindi essere opportunamente inquadrate quali:

  • il massaggio olistico,
  • la ricostruzione e decorazione delle unghie,
  • la laminazione e l’extension delle ciglia e sopracciglia
  •  il trucco artistico.

E’ stato inoltre rafforzato il sostegno delle donne lavoratrici vittime di violenza, prevedendo un indennizzo del 30% per due mesi a carico delle imprese, dopo il periodo di 90 giorni coperti da Inps.

Infine, è stato definito per la prima volta dell’ambito del CCNL il quadro di figure professionali della toelettatura per animali, settore già da tempo ricompreso nella sfera di applicazione.