La corruzione, in tutto il mondo, dal 1999 al 2014, è costata 5,4 miliardi di dollari

 

La corruzione, in tutto il mondo, dal 1999 al 2014, è costata 5,4 miliardi di dollari; a tanto ammonta la cifra evaporata in tangenti secondo l’ultima analisi dell’Ocse contenuta in un rapporto presentato a Parigi dal segretario generale dell’Organizzazione, Anguel Gurria.

 

Complessivamente, si sono evidenziati 400 casi di corruzione internazionale, di cui solamente 207 hanno un iter giudiziario concluso.

 

Secondo il rapporto, mediamente il valore delle singole tangenti si aggira sui 13,8 milioni di dollari ma, in certi casi, si è arrivati a punte di 149, con un impatto di circa il 10,9 per cento sulle transazioni e del 34,5 degli utili.

 

Nel mondo, la lotta alla corruzione è guidata dagli Usa, con 128 casi di corruzione giunti a sentenza definiva a sanzionati. Seguono la Germania, con 26 casi, e la Corea del Sud, con 11, In Italia, Svizzera e Gran Bretagna, si segnalano solamente 6 casi.

 

Nel 57 per cento dei casi, inoltre, le tangenti sono versate per ottenere commesse, mentre i processi, in media, durano 7,3 anni, con punte di 15.

 

 

Mestre, 3 dicembre 2014