Tra il 2007 ed il 2012 la crisi ha fatto crollare del 5% i consumi reali (vale a dire al netto dell’inflazione) delle famiglie italiane: in termini assoluti la contrazione della spesa è stata di 44,5 miliardi di euro. I beni che hanno subito la riduzione più pesante sono stati:

 

• auto, carburanti e l’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico (- 19,2% pari a -22,7 miliardi di € di spesa);

• abbigliamento e calzature (-13,9%, pari a -9,6 miliardi €);

• bevande e tabacco (-10,1%, pari a -2,3 miliardi di €);

• alimentari e bevande non alcoliche (-9,6%, pari a -12,4 miliardi €);

• mobili, elettrodomestici e manutenzione casa (-8,4%, pari a 5,4 miliardi di euro).

 

Tra gli alimentari e le bevande non alcoliche segnaliamo, nel periodo 2007-2011 :

 

• acque minerali, bevande gassate e succhi (-9% pari a -647 milioni di €)

• pane e cereali (-8,9% pari a -2,2 miliardi di €)

• olii e grassi (-8,7% pari a -458 milioni di €)

 

Gli aumenti, invece, hanno interessato le spese familiari per la casa, le bollette di luce, acqua e gas (+3,9%), le spese sanitarie (+3,8%), le comunicazioni (+3,1%) e la cultura (+3%). Tra gli alimentari e le bevande non alcoliche l’incremento di spesa ha interessato solo la voce “altri generi alimentari” (+3,2%) che include i piatti pronti, le salse e le spezie.

“La crisi – esordisce il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi – ha cambiato lo stile di vita degli italiani. Si acquistano meno auto nuove e quelle in circolazione rimangono sempre più in garage. La spesa per le scarpe, i vestiti ed il cibo si è ridotta all’osso. Nel contempo sono aumentati in modo deciso i costi legati alle abitazioni . Si risparmia sugli acquisti dei beni non alimentari, riparando tutto ciò che è possibile: dall’abbigliamento alle calzature, dalle Tv alle lavatrici, mentre mangiamo sempre meno pane, carne e frutta ”.

Alla luce di questa caduta verticale degli acquisti delle famiglie, Bortolussi torna sul tema dell’Iva:

“Va assolutamente scongiurata l’ipotesi di ritoccare all’insù l’aliquota ordinaria dell’Iva proprio per non peggiorare una situazione che sta mettendo in affanno le famiglie italiane e molti milioni di artigiani e di piccoli commercianti che con queste contrazioni di spesa faticano a rimanere aperti”.

 

 

Clicca qui e scarica il comunicato stampa con le tabelle