L’IMU è al centro delle preoccupazioni di questo Governo ma non solo. La tassa sulla proprietà immobiliare fa discutere anche organismi internazionali. La scorsa settimana il Fondo Monetario Internazionale si è schierato contro la sua cancellazione, e ieri anche Bruxelles, è scesa in campo per discutere della tassa italiana.

 

Bruxelles chiede all’Italia di rispettare le raccomandazioni, auspicando uno spostamento della tassazione dal lavoro ai consumi e proprietà. Il commissario Olli Rehn si dichiara sicuro che il Governo italiano prenderà seriamente in considerazione le raccomandazioni europee.

 

Oggi, inoltre, si fronteggeranno esecutivo e maggioranza. Il MEF è pronto a valutare una pluralità di soluzioni che però non piacciono a chi dell’IMU vorrebbe proprio farne a meno. E’ il caso del PdL che dell’abolizione della tassa più odiata dagli italiani ne ha fatto il suo cavallo di battaglia per la sua campagna elettorale.

 

Dello stesso avviso del Pdl, ma con qualche distinguo, anche il Premier Letta che dichiara l’impegno da parte del Governo a togliere l’IMU sulla prima casa, almeno così come era concepita.

 

Infine, il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni fa sapere che è fiducioso che oggi si raggiunga un accordo sulla revisione dell’imposta. Nella cabina di regia tra oggi e la prossima settimana si troveranno soluzioni migliori su IVA e IMU per il Paese.