L’iter legislativo, in Senato, dopo l’ok della Camera, giungerà quindi in tempi rapidi

 

Il Governo ha deciso di porre la questione di fiducia sul Jobs Act. L’iter legislativo, in Senato, dopo l’ok della Camera, giungerà quindi in tempi rapidi. A darne l’annuncio è stato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che ci ha tenuto a sottolineare come non saranno di certo le norme contenute nel dl a produrre posti di lavoro, pur rappresentando il quadro e la condizione in cui i soggetti agiscono.

 

In seguito, la seduta è stata sospesa per dare alla conferenza dei capigruppo la possibilità di stabilire un nuovo calendario delle votazioni. Il ministro ha, inoltre, promesso che, nonostante la procedura accelerata, nell’ambito dell’emanazione dei decreti delegati saranno tenuti in debita considerazioni l’indirizzo del Governo e le considerazioni delle parti sociali. Nel frattempo, l’esecutivo sta lavorando al primo decreto legislativo, quello relativo alla disciplina sui contratti a tempo indeterminato a tutele crescenti per i neoassunti che, con ogni probabilità, vedrà la luce nel Cdm di metà dicembre.

 

 

Mestre 3 dicembre 2014