A luglio si è registrato, rispetto al mese precedente, un calo dello 0,1 per cento al lordo dei dipendenti in cassa integrazione

 

 

Dopo la notizia dello sforamento dell’ennesimo record della disoccupazione giovanile (44,2 per cento: il tasso più alto di sempre, scopri di piu>>) l’Istat ha reso noti gli ultimi dati sull’occupazione nelle grandi imprese e, anche in tal caso, ci son cattive nuove: a luglio, si è registrato, rispetto al mese precedente, un calo dello 0,1 per cento al lordo dei dipendenti in cassa integrazione, mentre non c’è stata alcuna variazione al netto della Cig. Rispetto allo stesso mese del 2013, invece, il calo si attesta sullo 0,8 per cento al lordo della Cig e sullo 0,5 per cento al netto.

 

Sono state, inoltre, usate 29,7 ore di cassa integrazione ogni mille lavorate, ovvero 3,5 in meno rispetto a luglio del 2013. Sul fronte delle retribuzioni per ora lavorata, si registra, sempre a luglio, una diminuzione dello 0,6 per cento rispetto al mese precedente e un aumento dello 0,3 per cento rispetto al 2013. Contestualmente, su base annua, il costo del lavoro per dipendente, al netto delle ore di cassa integrazione, è aumentato dello 0,1 per cento.

 

 

Mestre, 2 ottobre 2014