Potenziare l’operatività del Fondo Centrale di Garanzia che garantisca un accesso più ampio, semplice e continuo al credito per le piccole e medie imprese, questo l’obiettivo sul quale il Governo sta lavorando. Secondo il Ministro dell’Economia, Saccomanni, infatti gli spazi per la crescita della base imprenditoriale in Italia ci sono ma è necessario lavorare congiuntamente per raggiungere i risultati.

 

Al fine di rilanciare investimenti, innovazione e occupazione il governo deve fare un pezzo di strada insieme al sistema delle imprese e al sistema bancario e finanziario. E’ necessario che le risorse per rilanciare l’economia vengano liberate al più presto, risorse che dovranno provenire dalla riduzione della spesa pubblica inefficiente e dal disboscamento delle agevolazioni e dei sussidi a carico del bilancio. E in questo senso secondo Saccomanni è ancora possibile fare dei tagli alla spesa pubblica, specialmente nel settore della sanità.

 

Per quanto riguarda il pagamento dei debiti della Pa verso i privati, il ministro ha garantito il suo impegno personale a controllare che l’intero ammontare dovuto venga restituito. Ed in particolare che la prassi di pagamenti in termini ragionevoli, 30-60 giorni, si instauri diffusamente presso le pubbliche amministrazioni, in linea con il dettato della direttiva europea.