Il ministero dell’Economia ha reso noti i termini e le condizioni delle prossime e imminenti aste di titoli di Stato. Si tratta di tre emissioni di Btp da 3, 7 e 30 anni, la cui tranche emessa sarà, rispettivamente, la terza, la prima e la decima, e la cui data di scadenza cadrà, rispettivamente, il 15 maggio 2017, il 15 dicembre 2021 e il primo settembre 2044.

 

Per tutte e tre le tipologie di obbligazioni statali, il termine ultimo per la prenotazione da parte del pubblico è l’11 giugno 2014, mentre quello per la presentazione delle domande in asta è il 12 giugno, alle ore 11.00. Il 16 giugno, invece, cade la data per il regolamento delle sottoscrizioni.

 

La cedola offerta per i Btp a tre anni (il cui importo offerto varierà tra un minimo di 3 miliardi di euro e un massimo di 3 miliardi e mezzo) ammonta all’1,15 per cento; quella dei Btp a 7 anni (importo minimo: 3 miliardi; massimo: 4 miliardi) al 2,15 per cento; quella del Btp a 30 anni, infine (min: 500 milioni; max: 1 miliardo) al 4,75 per cento.

 

Il Tesoro precisa, infine, che “il meccanismo di collocamento utilizzato per i titoli di cui sopra sarà quello dell’asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all’interno dei predetti intervalli di emissione. L’ammontare collocato sarà determinato escludendo le offerte formulate a prezzi ritenuti non convenienti sulla base delle condizioni di mercato”.